Lilith…..

Forse non tutti conoscono la figura di Lilith…..
una donna,un demone,si dice essere la prima moglie di Adamo prima di Eva….
Questo è quanto raccontano le leggende su di lei….


Il nome Lilith deriva dalla parola
assiro-babilonese LILITU, che significa "spirito del vento".

Secondo la tradizione ebraica, Lilith
fu la donna di Adamo, prima ancora di Eva. Si dice che fosse lei la madre di
Caino e non Eva.

Lilith fu creata nello stesso modo di
Adamo, cioè con polvere e argilla (alcuni testi parlano di "sedimenti e
sudiciume" per evidenziarne i tratti negativi). Ella si considerava uguale
ad Adamo e quando egli cercò di sottometterla con la forza (Lilith non voleva
stendersi sotto di lui durante i rapporti sessuali, in quanto considerava
"offensiva" tale posizione), lei si ribellò e fuggì nel deserto
vicino al Mar Rosso, dove si accoppiò con i Djinns e generò innumerevoli demoni
(chiamati Lilim).

Dio cercò di farla tornare da Adamo, e
le inviò 3 angeli (Sanvi, Sansanvi e Semangelaf), ma Lilith si rifiutò di
tornare.

Gli Angeli tornano sconfitti in
paradiso e Dio si vendica con Lilith uccidendole le centinaia di demoni (Lilim)
che generava accoppiandosi con le creature del Mar Rosso. A tale affronto lei
risponde aggirandosi nottetempo nelle contrade, orientandosi presso i
crocicchi, per cercare e strangolare i neonati (a meno che non siano protetti
da talismani recanti i nomi degli angeli che le erano apparsi) e per
sorprendere gli uomini durante il sonno sfinendoli fino alla morte con
abominevoli amplessi.

Ad Adamo fu data una nuova donna, Eva,
della quale Lilith era gelosissima e cui uccise buona parte della prole, ed
alcune versioni vogliono che fosse lei il serpente che la indusse a disobbedire
all’uomo cogliendo il frutto proibito.

Per gli Ebrei Lilith passerà
definitivamente al rango di Demone femminile raffigurata come donna il cui
corpo termina in una coda di serpente.

Lilith appare nelle leggende ebree,
sumere, arabe e persino teutoniche. È presente anche in numerosi testi ebraci,
fra cui il Talmud, il Sefer-ha-Zoar o Libro dello Splendore e i Midrash.

Molte delle storie narrate su di lei
sembrano riflettere l’ansietà dell’uomo riguardo a donne che non possono essere
tenute sotto controllo (per questo motivo Lilith è anche considerata un simbolo
del femminismo).

In
alcune storie Lilith viene raffigurata come una creatura divina, piena di
risorse, intelligente, indipendente ed amante degli animali.

Lilith
viene spesso associata al fuoco, in quanto descritta come creatura bellissima
dalla testa all’ombelico, ma dall’ombelico in giù come "fuoco
fiammeggiante".

Si
dice inoltre che fosse una valorosa guerriera e si narra di una sua marcia nel
deserto contro i figli di JOB per liberare gli animali che essi avevano
imprigionato.

Nella
mitologia Lilith è anche conosciuta come un satellite invisibile dalla terra e
per questo chiamata "Luna Nera". Già nella cultura egizia troviamo
l’ipotesi d’un invisibile satellite terrestre chiamato Nephtys, invisibile
perché assorbe e non riflette, come ogni altra cosa, la luce del Sole.

Questo
astro invisibile è quello che meglio impersonifica l’archetipo di Lilith, la
demonessa ribelle e autoerotica. Il glifo che più le corrisponde è quello
indicato nell’Enciclopedia Giudaica, nella quale è asserito che tra le
negatività lilithiane c’è la "malinconia" e "l’umor nero"
(prerogative anche di Saturno). Quindi, per rappresentarla astronomicamente,
occorre disegnare una falce di Luna calante con la croce in basso, dato che
Lilith sembra proprio un Saturno rovesciato. D’altronde quest’ultimo pianeta è
per molti autori, sia femminile che maschile, ed essendo il dirimpettaio della
Luna perché si trova a 180 gradi di distanza, ne è l’immagine capovolta. Per
"strana" combinazione, Lilith, satellite invisibile, ha quindi un
glifo che è l’immagine capovolta di Saturno.

 

LILITH
nella Bibbia.

Nella
Bibbia di Gerusalemme si legge in Genesi 2 :

18
Poi il Signore Dio disse: "Non è bene che l’uomo sia solo: gli voglio fare
un aiuto che gli sia simile". 19 Allora il Signore Dio plasmò dal suolo
ogni sorta di bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo e li condusse
all’uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l’uomo avesse
chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. 20 Così
l’uomo impose nomi a tutto il bestiame, a tutti gli uccelli del cielo e a tutte
le bestie selvatiche, ma l’uomo non trovò un aiuto che gli fosse simile. 21
Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull’uomo, che si addormentò;
gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto. 22 Il Signore
Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all’uomo, una donna e la condusse
all’uomo. 23 Allora l’uomo disse:

"Questa
volta  essa

è
carne dalla mia carne

e
osso dalle mie ossa.

La
si chiamerà donna

perché
dall’uomo è stata tolta".

Notate
il "Questa volta". Questa espressione non l’ho trovata nelle due
edizioni della Bibbia cattolica, mentre l’ho ritrovata nella Bibbia di Giovanni
Diodati (Meridiani Mondadori, in tre volumi), teologo calvinista che la
tradusse in italiano dai testi originali nel 1607. Il fatto è che l’espressione
"questa volta" fa pensare che ci sia stata una "volta
precedente" in cui Adamo ebbe a che fare con il femminile, prima della
comparsa di Eva nei modi che sappiamo. Sembra dunque che qualcosa sia stato
eliminato dalla Bibbia sacerdotale – ed è qui che molti autori inseriscono il
mito di Lilith quale prima e originaria compagna di Adamo.

Nella
Bibbia cristiana i riferimenti a Lilith sono veramente molto pochi,
probabilmente ad opera delle successive riscritture a scopo dottrinale e
sacerdotale volte ad esaltare l’obbedienza che la donna deve dimostrare nei
confronti dell’uomo, la citazione più esplicita si trova in Isaia 34,14:

I
gatti selvatici si incontreranno con le iene, e

I
satiri si chiameranno l’un l’altro;

vi
farà sosta anche Lilith e vi troverà tranquilla dimora.

In
questo testo è avvicinata agli animali predatori ricordando anche la sua
parentela con gli uccelli notturni il cui urlo inquieta chi lo ascolta,
infatti, quando Dio uccise il figli di Lilith, nella notte echeggiarono per
molto tempo i suoi lamenti disperati.

Secondo
l’iconografia cristiana Lilith governa l’inferno, ha l’aspetto di una donna
nuda estremamente bella, ha i capelli blu e gli occhi rossi, la pelle è di un
colore grigio argenteo; comanda le schiere di succubi e gli amplessi con lei
portano alla follia.

Image and video hosting by TinyPic
Fonte: http://www.ilfarodellamente.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: